IF NOT NOW, NEVER



Nel bicentenario de L’Infinito di Giacomo Leopardi, Loris Petrillo concepisce un omaggio al poeta e all’immensa eredità artistica e umana che ci ha lasciato. Fondato sulla sua insaziabile sete di vita, impossibile da  soddisfare a causa dell’angoscia insita nel suo animo, in qualche modo legata – anche se non fu diretta conseguenza –  al suo corpo deforme che gli impedì di godere appieno delle gioie della vita, che giunse a sbiadire le colorazioni della vita uniformandole sotto il velo unico del dolore. Nulla, infatti, di ciò che è vissuto può sottrarsi ad esso, la continua tensione al piacere e alla bellezza, di cui pure l’uomo e il mondo sono un segno, va infrangendosi nella finitezza della vita mortale.
Unica via di fuga rimane l’immaginazione, che L’Infinito esalta proprio nel suo ruolo fondamentale: la creazione di una realtà infinita che sappia placare, seppur per poco, il desiderio altrettanto infinito dell’uomo.
A questo Loris Petrillo si è ispirato per la creazione “If not now, never”, delineando i tratti di una natura umana incapace di rispondere a se stessa, che irrimediabilmente annienta ogni cosa che tenta di trattenere a sé.

Coreografia: Loris Petrillo.

Danzano: Leonardo Carletti, Camilla Perugini, Giorgia Perugini, Elisa Ricagni, Giosy Sampaolo